Sabato 25 Novembre 2017 - 06:24

Sito d'informazione on line dal 2001

IsolaBasket.it

Sito d'informazione on line dal 2001



Cagliari rende omaggio ai fratelli Pirastu con l'intitolazione del Palazzetto

di Alberto Garau | 27.06.2017 - ore 06:33


CAGLIARI - Da venerdì 30 giugno il Palazzetto dello Sport di Cagliari assumerà ufficialmente la denominazione di "PalaPirastu". Va dunque in pensione, dopo 48 anni, l'appellativo di "PalaRockefeller" associato al nome della via dove sorge dal 1968 il principale impianto sportivo al coperto del capoluogo.

Per diversi decenni i fratelli Pirastu hanno svolto, a Cagliari e in Sardegna, un ruolo rilevantissimo nella sanità, pubblica e privata, nella vita politica e nello sport. Alcuni dei di loro hanno ottenuto importanti riconoscimenti, a livello professionistico, nelle discipline del basket e della boxe. Nel 1938 il "Corriere dello Sport" dedicò tutta la prima pagina alla famiglia Pirastu, descrivendola come "esempio di dedizione alle attività sportive". Sotto la guida dei fratelli Pirastu nacque la squadra del Brill che, negli anni ’70, militò con successo nella massima serie nazionale di pallacanestro.

Luigi Pirastu (Tortolì, 12 giugno 1913 – Monaco di Baviera, 28 luglio 1984) - Tesserato P.C.I. è stato un insegnante e politico italiano. Si laureò in Storia e Filosofia e insegnò a Nuoro al liceo ginnasio "G. Asproni" e a Cagliari al "Dettori". Dal 1944 al 1946 fu vicedirettore de L'Unione Sarda e Assessore alla Pubblica Istruzione a Cagliari nel 1946. Poi a Parma divenne redattore del periodico "L'eco del lavoro". Per quattro legislature Consigliere Regionale, ricoprì la carica di Assessore e successivamente di Vicepresidente eletto Senatore il 4 maggio 1963, venne confermato nel 1968. Fu proclamato anche Segretario alla Presidenza del Senato.

Antonio Pirastu (Tortoli, 20 luglio 1915 - Tunisia 30 dicembre 1989) - Se c’è un uomo, non solo in Sardegna, ma anche in Italia, a cui si può conferire il titolo di Sportivo, ebbene questo è Antonio Pirastu. Sportivo, non perché è stato presidente della una società di basket o perché domenicalmente assista a una o più gare sportive, ma perché il dottor Pirastu (conosciutissimo dermatologo) lo sport lo ha praticato e vissuto sul serio e non solo per la disciplina del basket ma anche per quella del pugilato. Intorno agli anni trenta inizia come giocatore di pallacanestro. Ex pugile dilettante, presidente per una vita del comitato di Cagliari.Oristano della F.P.I., nel 1939 diventa Campione Mondiale dei pesi piuma dei campionati mondiali universitariari  di Vienna. Terminato il periodo d’oro della gioventù, non pensa minimamente di abbandonare lo sport: fù allenatore prima del G.S. Genio Civile (serie C) poi dell’Esperia (serie B) e dell’Olimpia (serie B). In seguito diventò medico sportivo effettivo e fù chiamato a presiedere il Comitato Regionale della Federazione Medici sportivi dal 1946 al 1964. Divenne sempre più popolare con il passare degli anni. L’obiettivo principale del Brill di cui fu Presidente era quello di tenere il basket sardo sempre a contatto con il "grande giro", attuando un’unione, non solo sportiva, tra l’sola (con i suoi mille problemi) ed il continente. Dal 1975 si dedico esclusivamente alla boxe.

Emilio Pirastu (Lanusei 3 marzo 1918- Cagliari 25 Novembre 1991) - Il professore-ortopedico, uomo socievole che faceva vita di gruppo e possedeva un notevole carisma. Con i fratelli Ignazio, Franco e Carlo fu uno dei grandi protagonisti del pugilato dilettantistico sardo a cavallo fra gli anni trenta e i quaranta, autore di memorabili incontri , vinse la medaglia di bronzo nei pesi leggeri ai campionati mondiali universitari del 1939 a Vienna, superato in semifinale dal tedesco Krueger nel corso di un match equilibrato. Tra i sui tanti amici anche l’attore Walter Chiari che coltivava una grande passione per la boxe. Veniva definito da coloro che lo videro combattere un boxeur aggressivo, solido e potente. Una volta raccontò che andato a Sassari, insieme ai fratelli, per una partita di pallacanestro, altro amore di Emilio, al termine della stessa si trovarono coinvolti in una grande scazzottata contro gli avversari, e dal pubblico: "ma questo è pugilato sul ring….". Per dire quanto la boxe fosse parte della sua vita e dei suoi fratelli. Passato da sportivo poi medico degli sportivi. E’ stato per anni il medico sportivo della Cagliari Calcio, ogni domenica cercava di rimettere a posto le gambe martoriate di Gigi Riva. Fondò la Casa di Cura Villa Elena.

Ignazio Pirastu, noto Nuccio (Tortolì, 31 marzo 1921 – Roma, 1 luglio 2011) - E' stato un politico, insegnante e scrittore italiano. Aderì nel 1944 al Partito Comunista Italiano subito dopo la fine della seconda guerra mondiale in Sardegna ed entrò in Parlamento nel 1953, quando fu eletto per la prima volta alla Camera dei Deputati. Rieletto nel 1958, nel 1963 e nel 1968 alla Camera, entrò poi al Senato della Repubblica nel 1972. Fu vicepresidente della Commissione parlamentare d'inchiesta sui fenomeni della criminalità in Sardegna ("Commissione Medici"), della cui legge istitutiva fu primo firmatario, ed al termine dei cui lavori scrisse il saggio "Il banditismo in Sardegna". Lasciata l'attività parlamentare diventa responsabile del dipartimento per i problemi dello sport nella Direzione del Partito Comunista Italiano. Nel 1981 fu nominato consigliere di amministrazione della RAI. Per anni ha esercitato insieme a i fratelli la disciplina del pugilato, una sua grande passione. Inoltre fu, fin dalla giovinezza, grande amico dell'attuale Presidente della Repubblica Italiana, Giorgio Napolitano.

Franco Pirastu (Tortolì 17 dicembre 1923 - Cagliari 04 novembre 2014) - Da studente in medicina si dedicò al pugilato su più fronti: svolgeva contemporaneamente la funzione di pugile e di insegnante e promotore nello sport della noble art. In altri termini, si allenava in palestra nella quale era anche l’insegnante (coadiuvato da un giovane appassionato che si chiamava Lello Scano), combatteva sul ring e si dava da fare, con i suoi fratelli per propagandare la pratica della boxe. Il giovane Pirastu era un pugile tecnico ed intelligente e potè dimostrare in pieno il proprio valore unitamente a diversi altri pugili, che in seguito avrebbero dato il loro prezioso contributo all’affermazione del pugilato isolano in campo internazionale, rendendo leggendarie le riunioni di Antonio Picciau al Teatro massimo, al Cinegiardino e all’Amsicora. Ci si riferisce ovviamente, a campioni della consistenza di Piero Rollo, di Efisio e Paolo Melis di Salvatore Boi, di Gianni Zuddas, etc.. Succedeva spesso che Franco Pirastu dovesse battersi sul ring contro qualcuno dei suoi allievi, si trattava sempre di match veri che terminavano sempre con la proclamazione di un vincitore: sono rimasti famosi, a questo proposito, tre suoi combattimenti contro Piero Rollo, allora peso mosca, amateur di buon avvenire. Come andò a finire? Tutt’e tre le volte Pirastu batte ai punti il suo allievo ed amico Rollo. Nel 1946 conquistò l’argento ai campionati italiani novizi, a Lucca, (in molti dissero che si tratto di un verdetto fazioso, in quanto il Pirastu avrebbe decisamente meritato di vincere l’oro). Nel 1947 abbandonò la carriera agonistica per dedicarsi con tranquillità agli studi. Divento Radiologo di chiara fama. Chiusa la parentesi agonistica, e terminati gli studi, si dedicò prima all’insegnanento della boxe nella A.P. di Franco Loi e poi al giornalismo, diventando commentatore di avvenimenti pugilistici per il quotidiano L’Unione Sarda. Ma non solo, più volte si trovò all’angolo dei combattimenti del boxeur Piero Rollo in occasione di match molto importanti a livello internazionale

Carlo Pirastu (Cagliari 22 settembre 1929 – 20 maggio 1994) - Celebre ginecologo, ha alimentato per anni lo sport sardo contribuendo in maniera determinante e capillare alla guida dello sport sardo, primo fra tutti il basket. Accanto ai fratelli Antonio e Paolo, Carlo Pirastu è stato infatti uno dei personaggi più significativi di quel Brill che, come direttore tecnico, lo ha visto tra le sue fila fin dal 1964. Lui stesso giocatore sino al ’60 con la maglia di quella gloriosa Olimpia che costituì il nucleo di partenza dell’allora più importante squadra sarda di pallacanestro. Vicino alle vicende della squadra, rappresentò, come lui stesso si definì "il tramite tra l’allenatore e la società", tenuto conto che il presidente era suo fratello Antonio, certamente svolgeva il compito con la massima efficacia. A ciò va aggiunto il fatto che Carlo Pirastu era anche il medico sociale della squadra, si può immaginare quanto fosse addentro alla vita del club sardo e ne caratterizzò in un certo senso l’esistenza portando la squadra a livelli altissimi. Insieme al fratello Emilio fondò la casa di cura Villa Elena, facendo nascere oltre 44.000 bambini.

Paolo Pirastu (Cagliari 05 maggio 1934 – Cagliari 26 novembre 2008) - Illustre Avvocato penalista (alla sua morte fu definito da un giornalista "Galantuomo delle aule giudiziarie. Per il mondo giudiziario cagliaritano e sardo non è un lutto qualsiasi. Con lui si allontana ancora un po' un mondo in cui la giustizia era anche educazione, rigore, correttezza professionale e soprattutto rispetto per tutti: giudici, colleghi e imputati. Se ne va un uomo di sinistra, che della destra detestava più d'ogni altra cosa le leggi ad personam e la difesa strisciante - sono parole sue - dell'illegalità."). Fu Paolo insieme ai fratelli Antonio Emilio e Carlo a creare la prima società cittadina di pallacanestro. Con il fratello Carlo giocò fino alla serie B sempre con buoni, a volte ottimi,  risultati con l’Esperia prima, nella compagine dell'Olimpia dopo, che si preparava a compiere il salto nella massima serie di basket. I suoi coetanei e gli appassionati di basket lo ricordano come gran tiratore dalla distanza, irriducibile in difesa, tenace nei contrasti. Come il fratello Carlo ed Antonio quando smise di giocare non si allontanò dalla pallacanestro ma continuò come dirigente vivendo la spendida avventura della mitica squadra del Brill.

La cerimonia di intitolazione del Palazzetto dello Sport si terrà venerdì alle ore 18:00.


© RIPRODUZIONE RISERVATA






INVIACI NEWS/RISULTATI/TABELLINI SEGNALACI UN ERRORE


NEWS IN EVIDENZA IN QUESTA CATEGORIA


Altro Basket > Varie > IB News

10.07.2017 - ore 07:07

Italbasket, le date e gli orari delle gare di Cagliari

Amichevole Italia - Finlandia (mercoled 9 agosto, ore 20:30) Torneo "Sardegna a Canestro" Italia - Finlandia (venerdì 11 agosto, ore 20:45) Turchia - Finlandia (sabato 12 agosto, ore 20:45) Italia - Turchia (domenica 13 agosto, ore 20:45) leggi tutto

Altro Basket > Varie > IB News

02.09.2017 - ore 19:42

Trofeo Meridiana: Avellino in finale, battuta Cagliari 89-55

OLBIA - La Sidigas Avellino è la prima finalista del Trofeo Meridiana. I "lupi", ancora privi di coach Sacripanti e dei nazionali, hanno superato al PalaGeovillage di Olbia l'esordiente Cagliari Dinamo Academy con il punteggio di 89-55 (46-26). Domani sera i ragazzi di Riccardo ... leggi tutto